Milano, 25-27 settembre 2020

Ripartire in verde e blu è l’obiettivo del primo grande evento live per guardare oltre la crisi: il verde della sostenibilità e il blu del digitale per il futuro del pianeta, in scena dal 25 al 27 settembre presso BAM Biblioteca degli Alberi Milano e lo spazio The Theatre.

Un evento ispirato dall’ultimo libro del filosofo Luciano Floridi in una tre giorni di incontri live, talk show, testimonianze dirette dai protagonisti del nostro tempo.

Il #VerdeBluFestival nasce dall’esperienza di 12 edizioni del Festival dell’Energia e si espande con uno sguardo ampio su climate change, economia circolare, rivoluzione digitale, nuovi modelli industriali e finanziari, moda, cibo e mobilità sostenibile, prendendo le mosse dall’urgenza di una ripartenza fiduciosa.

 

Noi di ENGIE presentiamo i percorsi necessari e possibili per una concreta riduzione delle emissioni, partendo dai consumi consapevoli e dall’efficienza energetica.

Alla Tavola rotonda del 25 settembre dal titolo “Blu come Innovazione” nell’ambito dell’Assemblea Pubblica Elettricità Futura è presente Roberto Aquilini di ENGIE Italia, per discutere della profonda trasformazione che il settore energetico sta attraversando e il futuro a cui è necessario puntare.

 

«Il momento storico che stiamo attraversando è un’opportunità senza precedenti per un vero cambio di passo verso produzioni e consumi più efficienti e sostenibili grazie alle tante innovazioni tecnologiche di cui possiamo avvalerci, accompagnate dalle necessarie innovazioni nei mercati e nelle regole. La transizione energetica è un percorso iniziato da diversi anni e che deve continuare con ancora più forza e continuità per portarci all’obbiettivo europeo di zero emissioni nette di CO2 nel 2050.

Pochi giorni fa ENGIE ha inaugurato vicino a Parigi un nuovo centro di ricerca, con 200 ricercatori provenienti da più di 10 paesi del mondo, specializzato sui GREEN GAS, biometano ed idrogeno e sull’utilizzo delle tecnologie per l’efficientamento dei consumi energetici di città ed edifici, oltre a progetti che riguardano l’industria 4.0.

Anche in Italia ENGIE continua ad investire nella decarbonizzazione delle proprie attività e di quelle dei clienti privati e pubblici, attraverso l’efficienza energetica, le rinnovabili, le infrastrutture green e azioni mirate ad adottare comportamenti e scelte di consumo consapevoli. Riteniamo che la consapevolezza ed il controllo dei propri consumi energetici e delle emissioni siano il punto da cui partire per ridurli».

Roberto Aquilini, Director Strategy, Regulatory & Public Affairs, Sourcing & Portfolio Management di ENGIE Italia

 

GLI EVENTI

Domenica 27 promuoviamo il Talk “Tra cielo e terra - Azioni ed energia sostenibili”. Le città sono al centro del dibattito: uno sviluppo sostenibile dei centri urbani in tutti i loro aspetti non è solo necessario per abbattere le emissioni e ridurre l’inquinamento dell’aria, ma è possibile e costituisce una grande opportunità.

L’appuntamento ha tra i protagonisti l’assessore Pierfrancesco Maran, il Presidente Triennale Milano Stefano Boeri, il professor Stefano Mancuso, il Direttore Marketing, Communication & PR di ENGIE Italia Laura Masi, e si arricchisce dalle testimonianze di tre atlete di calibro internazionale “Planet Ambassador” di ENGIE: la free climber Federica Mingolla, l’apneista Alessia Zecchini, la sciatrice alpina Martina Valmassoi. 
 

«Sono moltissimi gli interventi che possono dare un nuovo valore alle aree urbane e nel contempo agire radicalmente per ridurre le emissioni inquinanti: dalla riconversione green delle abitazioni all’illuminazione pubblica, fino a sistemi smart di gestione del traffico.
Ma è fondamentale che ognuno di noi abbia contezza del proprio carbon footprint, Misurare l’impatto delle nostre azioni, porta alla giusta consapevolezza quindi a ridurre il nostro peso sul Pianeta.
Da una ricerca che abbiamo commissionato lo scorso anno, il 56% degli intervistati, ha dichiarato di aver modificato i propri comportamenti in un’ottica più green e il 35% pensa di farlo, purché non debba rinunciare a determinati comfort.

Il cambiamento per essere efficace deve essere corale. Questo è per noi “più siamo, meno pesiamo”.  Più siamo ogni giorno a compiere azioni per ridurre il nostro impatto ambientale, meno pesiamo sul pianeta».

Laura Masi, Direttore Marketing, Communication & Public Relations di ENGIE Italia


TALK SHOW

Tra sabato e domenica, numerosi saranno i talk show tra relatori d’eccezione, dialoghi a due voci di grande impatto sui temi chiave del nostro tempo, quali ad esempio:

  • Enrico Letta con Luciano Floridi per una politica che tenga conto di parametri non solo economici, ma legati al benessere;
  • Laurence Tubiana, CEO dell’European Climate Foundation, e Corrado Passera di Illimity sulla lotta al climate change;
  • Roberto Cingolani di Leonardo e il sindacalista Marco Bentivogli sull’impatto sul lavoro dell’Intelligenza Artificiale;
  • lo storico Alessandro Barbero che ripercorre l’atavico conflitto tra natura e uomo con il giornalista Andrea Vico;
  • Alessandro Profumo di Leonardo e Luciano Floridi sui mega-trend del futuro;
  • lo chef Davide Oldani con Pierluigi Pardo.

È previsto anche un ricco calendario di presentazioni di libri e di appuntamenti con startupper e realtà molto innovative in ambito digital, food, green e salute.

 

«Se il mondo godrà di uno sviluppo sostenibile per la terra e preferibile per l’umanità, sarà perché saremo riusciti a creare un circolo virtuoso tra natura e tecnologia, in un progetto umano per il Ventunesimo secolo».

Luciano Floridi, Direttore Digital Ethics Lab, Internet Institute dell'Università di Oxford

Allegati

Articoli correlati