cover intro engie anno che fa specie.jpg
Tip

70 nuove specie animali catalogate nel 2021

2021: un anno che fa specie

17 gennaio 2022
Le nuove specie animali scoperte nel 2021

L'estinzione di una specie è 100 volte superiore al passato

cover engie anno che fa specie

Un cavalluccio marino con la “cresta”, un verme senza occhi e zampe e una stella marina “infuocata”.
Anche quest’anno, gli zoologi hanno individuato nuove specie animali.
Eccone alcune.

Cylix Tuoereomanaia

Un nuovo cavalluccio marino pigmeo che vive in Nuova Zelanda ed è in grado di mimetizzarsi perfettamente tra le alghe coralline. A scoprirlo un ricercatore della California Academy of Sciences: “La scoperta evidenzia quanto poco sappiamo delle barriere coralline della Nuova Zelanda, che pure abbiamo esplorato per secoli”.

Pachyrhynchus Obumanuvu

Fa parte dell’ordine dei coleotteri ed è stata scoperta dall’entomologo Matthew Van Dam sulle montagne delle Filippine. Vive a quasi mille metri di altitudine, nascosto tra le chiome degli alberi della foresta pluviale e ha il corpo striato di giallo e verde.

Uokeaster ahi

A scoprirlo è stato Christopher Mah, ricercatore specializzato in zoologia degli invertebrati, ed è una stella marina dal colore arancione brillante.

Schistometopum ephele

Era parecchio tempo che gli zoologi si chiedevano se gli esemplari di gimnofioni, anfibi privi di zampe e occhi. Dopo aver studiato il patrimonio genetico di 85 esemplari, gli scienziati della California Academy of Sciences hanno capito che l’isola ospita due specie finora mai viste, di gimnofioni.

Limacia inesae

Fa parte della famiglia delle lumache di mare. Piccola e graziosa, è dotata di una fila centrale di tubercoli gialli o arancioni sul dorso e di appendici laterali degli stessi colori. È stata scoperta nell’Oceano Atlantico nordorientale ma vive anche nel Mediterraneo.

Centruroides berstoni

Una delle nuove specie di scorpione che ha sviluppato una tattica per sfuggire ai predatori: “sente” gli spostamenti d’aria di un animale in avvicinamento e sparisce nel sottobosco.

Homo bodoensis

Un’équipe di scienziati della University of Winnipeg ha individuato l’Homo bodoensis, una nuova specie di ominide con segni caratteristici a metà tra Homo erectus e Homo sapiens.

Nuove specie in un nuovo habitat

La comparsa di nuove specie è un fenomeno che racconta la continua evoluzione degli ecosistemi, accelerato sempre più dal cambiamento climatico. La modificazione di alcune caratteristiche delle specie animali è una risposta al contesto nel quale vivono.

Non è però l’unico impatto che osserviamo: in parallelo, vi è un’estinzione progressiva di alcuni animali, data dall’impossibilità di sopravvivere in contesti ostili o che hanno subito alterazioni significative.
A rammentarcelo anche la “lista rossa” che ogni anno viene rilasciata dall’IUCN (International Union for Conservation of Nature), volta a enumerare gli animali a rischio estinzione. Come si evidenzia da questo documento, oggi l’estinzione di specie avviene a una velocità circa 100 volte superiore a quella del passato.

Oggi più che mai siamo chiamati a fermare e invertire questa tendenza, raggiungendo un’economia a zero emissioni nette di CO2 e accelerando sulla rotta per la Transizione Energetica.


FONTI