Riqualificato il Playground di via vetere Milano

La sinergia pubblico-privato a favore del benessere collettivo

Milano, 17 giugno 2018

Milano, oltre ad essere una metropoli in continua crescita e trasformazione, capitale della moda, della cultura, dell’economia e del design, è anche la capitale europea dei Playground, cioè i campi sportivi dislocati in tutta la città in cui si gioca uno degli sport più amati dalla comunità locale: il basket.

Sono 180 i Playground della capitale lombarda e rappresentano luoghi di aggregazione dove i giovani mettono sul campo non solo la passione per lo sport, ma anche il desiderio di condividere con gli altri del tempo di qualità. Trattandosi di luoghi all’aperto e pubblici sono necessari lavori di riqualificazione per mantenere i playground costantemente funzionali.

Per questo abbiamo, coerentemente con la nostra ambizione di contribuire ad un progresso armonioso, riqualificato il Playground di Milano di Via Vetere all’interno del Parco delle Basiliche.

Siamo un'azienda orientata al sociale e teniamo molto al nostro ruolo di Architetto del Territorio. Per questo siamo fieri di offrire, a Milano e alla sua comunità, un playground riqualificato e rinnovato dove i giovani e il loro talento possano esprimersi.

 

PERCHÉ RIQUALIFICARE

La riqualificazione del playground di Via Vetere conferma il nostro impegno anche nello sport. Attraverso la nostra società ENGIE Program abbiamo sviluppato negli anni un’importante expertise legata al mondo dello sport. Abbiamo in gestione 15 stadi italiani e diverse strutture indoor quali palazzetti, piscine e club. L’obiettivo è quello di incrementare la redditività degli spazi sportivi sia rendendo maggiormente attrattive le strutture, sia attraverso l’efficientamento dei costi di gestione con soluzioni orientate alla sostenibilità, all’efficienza, al miglioramento del livello tecnologico ma anche al comfort e all’esperienza d’uso.

Oggi è opportuno affrontare il tema con un approccio innovativo: le strutture invecchiano, devono essere ripensate per gli utilizzatori e rinnovate su misura, è necessario ottimizzarne i costi, valorizzarle, piuttosto che crearne di nuove. Con grande attenzione all’impatto ambientale, vogliamo porre le nostre competenze al servizio delle strutture sportive e del bene comune.

 

GLI INTERVENTI

"Questo intervento di riqualificazione rappresenta un ottimo esempio di quanto sia importante una costante sinergia tra Amministrazione comunale e attori privati per prendersi cura al meglio di spazi pubblici fondamentali all’attività sportiva dei milanesi. Una collaborazione virtuosa fondata sulla sensibilità e sull’attenzione nei confronti delle esigenze dei cittadini sul territorio".

Roberta Guaineri, Assessore al Turismo, Sport e Qualità della vita del Comune di Milano 

 

"Queste strutture sportive rappresentano un importante fattore di aggregazione e socialità nei quartieri, ne abbiamo oltre 400 in tutta la città e stiamo lavorando per incrementarne ancora il numero. È quindi davvero importante la collaborazione dei privati per aiutarci a mantenerle curate e funzionali".

 Pierfrancesco Maran, Assessore all'Urbanistica, Verde e Agricoltura

 

"Il Municipio 1 ha sempre dimostrato una grande attenzione ai playground e alle aree sportive all’aperto. Queste aree sono particolarmente importanti per promuovere un’attività sportiva di base rivolta a tutti e per creare comunità e integrazione. Il percorso di questa riqualificazione è specialmente rilevante in quanto è partito dal coinvolgimento di alcuni studenti milanesi che hanno proposto all’azienda la riqualificazione del playground".

Luca Foschi, Assessore alla Cultura e allo Sport del Municipio 1
che ha seguito e promosso questa collaborazione
 

 

"Desideriamo, innanzi tutto, ringraziare il Comune, e in particolare il Municipio 1, per averci offerto la possibilità di collaborare concretamente alla riqualificazione di una struttura sportiva a servizio della comunità e soprattutto dei giovani. Siamo costantemente impegnati nella realizzazione di azioni a vantaggio del territorio e della collettività". 

Olivier Jacquier, CEO di ENGIE ITALIA.

Articoli correlati