La rigenerazione urbana

1 maggio 2018

Oggi le città occupano il 2% della superficie mondiale. In questo spazio, oltre a vivere il 50% della popolazione del pianeta, prendono vita oltre l’85% delle attività produttive e si consumano il 75% delle materie prime, restituendola stessa percentuale in gas serra.

Guardando al nostro Paese, il rapporto annuale di Legambiente mostra che nel 2017 ben 39 città italiane hanno più volte superato i limiti massimi di inquinamento previsti dalla legge ed il Nord Italia, con la pianura padana, è la zona più critica.

 

Cambio di passo

Oggi è quanto mai urgente compiere un cambio di passo comune in favore dell’ambiente, sia per rispettare gli obiettivi previsti dalla SEN, sia per rispondere ai Sustainable Development Goals che, tra le altre cose, vedono nel “Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, flessibili e sostenibili” una delle principali sfide da affrontare

Muoversi in questa direzione significa ridurre gli effetti negativi dell’impatto ambientale generato dalle città, in particolare in termini di qualità dell’aria, attraverso forme più inclusive e sostenibili di urbanizzazione, basate su un approccio partecipativo, integrato e sostenibile alla pianificazione urbana.

Raggiungere questo obiettivo è possibile e lo conferma anche un recente studio delle Nazioni Unite che evidenzia come i consumi di energia negli edifici possano essere ridotti dell’80%.

Le città e gli edifici sono dunque gli ambiti in cui è necessario promuovere un modello di sviluppo in cui coniugare innovazione, sostenibilità e sviluppo, a supporto della crescita futura.

 

Circular Smart City

Diventa quindi imprescindibile l’adozione di un approccio nuovo di “rigenerazione” delle città, degli edifici e delle loro infrastrutture, grazie all’impiego di strumenti all’avanguardia, nuove logiche e rinnovati attori.

Noi di ENGIE vediamo un modello di città “Circular Smart City”, che nasce dalla fusione della prospettiva “Smart” - guidata dall’innovazione sostenibile - con quella “Circolare” in grado di dar vita ad un modello da perseguire per progettare l’evoluzione dell’urbanistica, della mobilità, dei sistemi energetici e del biosistema interno.

In questa nuova prospettiva giocano un ruolo da protagoniste le aziende energetiche, perché possono portare il loro valore aggiunto negli ambiti dell’efficienza, della decentralizzazione, dell’IoT, della digitalizzazione e dell’economia circolare.

 

ENGIE, architetto del territorio

ENGIE costantemente impegnata a cogliere le sfide della rivoluzione in atto, lavora ogni giorno al fianco delle istituzioni cittadine, attraverso lo sviluppo di soluzioni in grado di supportare concretamente le città a perseguire gli obiettivi della Circular Smart City e, in generale e per contribuire a combattere efficacemente i cambiamenti climatici.

Operando come architetto del territorio al fianco di istituzioni e comunità locali, vogliamo favorire lo sviluppo delle Circular Smart City, così da migliorare la qualità della vita delle persone, attraverso la realizzazione di sistemi di produzione dell’energia decentralizzati e da fonti rinnovabili, la costruzione di una smartgrid multi energia, lo sviluppo di progetti di e-mobility e l’implementazione di sistemi digitali per il monitoraggio, il controllo e la gestione di tutti i servizi agli edifici ed alle persone.

 

Un nuovo rapporto 

Siamo in grado di rispondere, con progetti creati ad hoc e personalizzati a territori, aziende, edifici, comunità, fino ad arrivare ai singoli cittadini, con il desiderio di costruire un progresso sempre più armonioso che miri a riconciliare gli interessi ambientali, collettivi e individuali, a beneficio di un mondo più sostenibile. Grazie all’esperienza maturata (dalle nuove fonti energetiche, alle tecnologie digitali) e alla propria creatività, in ENGIE ridefiniamo il rapporto tra gli individui e il mondo in cui vivono.

Quale architetto del territorio, abbiamo realizzato interventi di efficienza energetica in circa 10.000 edifici, tra cui 3.500 scuole e 18 università. Oggi operiamo al fianco di oltre 300 comuni e gestiamo più di 300.000 punti luce, 9 reti di teleriscaldamento e 20 impianti di cogenerazione. Offriamo servizi all'avanguardia e tecnologie digitali, trasformando il classico rapporto fornitore-consumatore, basato sulla vendita di kWh elettrici o metri cubi di gas, in un innovativo modello di servizio energetico, finalizzato a consumare meno e meglio.
La nostra attenzione all’efficienza energetica e al rispetto dell’ambiente, è confermata anche dal fatto che tutta l'elettricità fornita da ENGIE a famiglie, condomini e PMI è certificata "100% verde".

Articoli correlati