ENGIE sponsor mobilità sostenibile EVRT

Torino, 2 maggio 2017

Un tour a impatto zero, a bordo delle vetture elettriche di ultima generazione Tesla, per promuovere la mobilità sostenibile e stimolare le città del futuro ad esplorare soluzioni di trasporto innovative ed ecologiche. 

Per il secondo anno fa tappa a Torino l’ESCP Europe Electric Vehicle Road Trip (EVRT), il viaggio organizzato da ESCP Europe e Global EVRT, che tra il 25 aprile e il 10 maggio coinvolgerà cinque dei sei campus della Business School (Londra, Madrid, Torino, Berlino e Parigi), percorrendo 6.500 chilometri attraverso 10 Paesi e 12 grandi città europee. L’obiettivo dell’evento è quello di ricercare e studiare le politiche e le abitudini dei consumatori verso l’adozione di veicoli elettrici nei vari Paesi, fornendo un quadro che possa essere utile ai produttori del settore automotive, ai gruppi ambientalisti, ai governi e agli stessi utenti.


MOBILITA' INTELLIGENTE

La mobilità intelligente è infatti un’esigenza primaria e quello dei trasporti è un tema sul tavolo dell’amministrazione comunale di Torino, città proiettata verso uno sviluppo sociale ed economico basato sulla sostenibilità e che prevede importanti interventi con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita urbana.

In un periodo di forte attenzione verso le tematiche ambientali e di nuova progettualità della viabilità urbana, la tecnologia al servizio delle politiche di trasporto e della gestione dei fussi di traffco viene in soccorso per la riduzione di emissioni, possibile anche grazie all’implementazione del car sharing elettrico e dei servizi di consegne dell’ultimo miglio.


SMART CITY E MOBILITA' SOSTENIBILE

È in questo contesto che si inquadra l’evento “Smart City e Mobilità Sostenibile”, organizzato oggi presso il Palazzo Civico di Torino, per portare testimonianza non solo di come sia ormai possibile spostarsi in tutta Europa ad emissioni zero, ma anche dell’equilibrio necessario tra ciò che i governi e le autorità locali possono fare per promuovere la realizzazione di infrastrutture ed incentivi per l’acquisto di veicoli eco-sostenibili, del business model delle start-up del settore Green Automotive e del loro sviluppo.

Per Paola Pisano, Assessora all’Innovazione e Smart City del Comune di Torino: 
«Tutte le tecnologie che coinvolgono il cittadino ad impegnarsi in comportamenti positivi, rispettando l'ambiente, diminuendo gli sprechi e sviluppando nuove competenze trovano in Torino terreno fertile e produttivo. I veicoli elettrici rispecchiano una tecnologia innovativa e positiva ma anche abilitatrice di nuove competenze sul tema della smart mobility, elemento centrale per la creazione della città del futuro».

Dopo Milano e Parma, il capoluogo piemontese è la terza città più “eco-mobile” d’Italia secondo il rapporto Euromobility che tiene in considerazione le innovazioni introdotte per la gestione della mobilità condivisa (car sharing, bike sharing, mobility manager), la diffusione di auto di nuova generazione o alimentate a combustibili alternativi (gpl, metano), l’offerta di trasporto pubblico e piste ciclabili, le zone a traffic limitato e pedonali.  

Francesco Rattalino, Direttore di ESCP Europe Torino Campus, spiega che:
«Oggi le questioni ambientali sono un tema caldo, tanto in ambito tecnologico che economico e sociale. Stiamo entrando in una nuova era energetica che comporterà un cambio di paradigma sia tecnologico che manageriale. In questo contesto le business school possono svolgere un ruolo importante mettendo a disposizione le loro competenze ed esperienze di ricerca nell’affrontare gli aspetti economici e manageriali della sostenibilità». 

 

ENGIE E LA SMART MOBILITY

In prima fila sul tema dell’efficenza energetica, anche il Gruppo ENGIE in Italia:

«ENGIE è attore mondiale della transizione energetica e una delle sue principali sfide è sviluppare soluzioni per una mobilità più sostenibile - spiega Giovanni Ravina, Executive Business Developer del Corporate Programm Green Mobility e Alumnus della Business School -. Questo impegno è confermato dalla recente acquisizione di EV-Box, una partnership che permetterà di combinare la leadership di settore di EV-Box, con oltre 48.000 stazioni di ricarica in servizio, e la presenza capillare del nostro operatore di servizi energetici in oltre 70 paesi nel mondo».


Dopo la tappa di Torino, il tour EVRT prosegue verso l’impianto di produzione di vetture elettriche Rimac a Zagabria, il centro BMW d’Innovazione e Design di Berlino, lo stabilimento di Tesla a Tilburg (Olanda), per terminare infne la corsa a Parigi, presso la sede francese di ESCP Europe. 


Maggiori informazioni sull’ ESCP Europe Electric Vehicle Road Trip (EVRT) sul sito  www.europeevrt.com.  

 

Torino, 2 maggio 2017

Un tour a impatto zero, a bordo delle vetture elettriche di ultima generazione Tesla, per promuovere la mobilità sostenibile e stimolare le città del futuro ad esplorare soluzioni di trasporto innovative ed ecologiche. 

Per il secondo anno fa tappa a Torino l’ESCP Europe Electric Vehicle Road Trip (EVRT), il viaggio organizzato da ESCP Europe e Global EVRT, che tra il 25 aprile e il 10 maggio coinvolgerà cinque dei sei campus della Business School (Londra, Madrid, Torino, Berlino e Parigi), percorrendo 6.500 chilometri attraverso 10 Paesi e 12 grandi città europee. L’obiettivo dell’evento è quello di ricercare e studiare le politiche e le abitudini dei consumatori verso l’adozione di veicoli elettrici nei vari Paesi, fornendo un quadro che possa essere utile ai produttori del settore automotive, ai gruppi ambientalisti, ai governi e agli stessi utenti.


MOBILITA' INTELLIGENTE

La mobilità intelligente è infatti un’esigenza primaria e quello dei trasporti è un tema sul tavolo dell’amministrazione comunale di Torino, città proiettata verso uno sviluppo sociale ed economico basato sulla sostenibilità e che prevede importanti interventi con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita urbana.

In un periodo di forte attenzione verso le tematiche ambientali e di nuova progettualità della viabilità urbana, la tecnologia al servizio delle politiche di trasporto e della gestione dei fussi di traffco viene in soccorso per la riduzione di emissioni, possibile anche grazie all’implementazione del car sharing elettrico e dei servizi di consegne dell’ultimo miglio.


SMART CITY E MOBILITA' SOSTENIBILE

È in questo contesto che si inquadra l’evento “Smart City e Mobilità Sostenibile”, organizzato oggi presso il Palazzo Civico di Torino, per portare testimonianza non solo di come sia ormai possibile spostarsi in tutta Europa ad emissioni zero, ma anche dell’equilibrio necessario tra ciò che i governi e le autorità locali possono fare per promuovere la realizzazione di infrastrutture ed incentivi per l’acquisto di veicoli eco-sostenibili, del business model delle start-up del settore Green Automotive e del loro sviluppo.

Per Paola Pisano, Assessora all’Innovazione e Smart City del Comune di Torino: 
«Tutte le tecnologie che coinvolgono il cittadino ad impegnarsi in comportamenti positivi, rispettando l'ambiente, diminuendo gli sprechi e sviluppando nuove competenze trovano in Torino terreno fertile e produttivo. I veicoli elettrici rispecchiano una tecnologia innovativa e positiva ma anche abilitatrice di nuove competenze sul tema della smart mobility, elemento centrale per la creazione della città del futuro».

Dopo Milano e Parma, il capoluogo piemontese è la terza città più “eco-mobile” d’Italia secondo il rapporto Euromobility che tiene in considerazione le innovazioni introdotte per la gestione della mobilità condivisa (car sharing, bike sharing, mobility manager), la diffusione di auto di nuova generazione o alimentate a combustibili alternativi (gpl, metano), l’offerta di trasporto pubblico e piste ciclabili, le zone a traffic limitato e pedonali.  

Francesco Rattalino, Direttore di ESCP Europe Torino Campus, spiega che:
«Oggi le questioni ambientali sono un tema caldo, tanto in ambito tecnologico che economico e sociale. Stiamo entrando in una nuova era energetica che comporterà un cambio di paradigma sia tecnologico che manageriale. In questo contesto le business school possono svolgere un ruolo importante mettendo a disposizione le loro competenze ed esperienze di ricerca nell’affrontare gli aspetti economici e manageriali della sostenibilità». 

 

ENGIE E LA SMART MOBILITY

In prima fila sul tema dell’efficenza energetica, anche il Gruppo ENGIE in Italia:

«ENGIE è attore mondiale della transizione energetica e una delle sue principali sfide è sviluppare soluzioni per una mobilità più sostenibile - spiega Giovanni Ravina, Executive Business Developer del Corporate Programm Green Mobility e Alumnus della Business School -. Questo impegno è confermato dalla recente acquisizione di EV-Box, una partnership che permetterà di combinare la leadership di settore di EV-Box, con oltre 48.000 stazioni di ricarica in servizio, e la presenza capillare del nostro operatore di servizi energetici in oltre 70 paesi nel mondo».


Dopo la tappa di Torino, il tour EVRT prosegue verso l’impianto di produzione di vetture elettriche Rimac a Zagabria, il centro BMW d’Innovazione e Design di Berlino, lo stabilimento di Tesla a Tilburg (Olanda), per terminare infne la corsa a Parigi, presso la sede francese di ESCP Europe. 


Maggiori informazioni sull’ ESCP Europe Electric Vehicle Road Trip (EVRT) sul sito  www.europeevrt.com.  

 

Allegati